fbpx

Il revamping 4.0, lo sappiamo dal 2017, ha dato tante, tantissime “preoccupazioni”. Addirittura, inizialmente, non si capiva “bene ” se fosse o meno compreso nell’industria 4.0.

Con il nuovo Piano transizione, altri dubbi si sono aggiunti.

Ecco perchè Marco Calabrò  (MISE) ha partecipato a un incontro con le imprese organizzato da “Federmacchine” e “Anima” a molte domande relative a interpretazioni, incertezze e casi specifici relativo all’Industria 4.0 /Piano Transizione 4.0. 

Revamping 4.0

Quali sono stati gli approfondimenti sul revamping 4.0? Eccoli.

N. 1

  • Revamping: è necessario che il bene che si acquista trasformi una macchina non 4.0 in una macchina 4.0 o vale anche un ammodernamento di una macchina già 4.0? E in tal caso vale anche l’ammodernamento di componenti e sistemi meramente meccanici (es. aumento scaffalature magazzini)?

R: Il revamping è stato pensato immaginando la trasformazione di un bene non 4.0 in un bene 4.0. Il Ministero sta riflettendo se si possa mutare l’interpretazione. Sul punto ci sarà una circolare o una faq.

N. 2

  • Si dice che un bene “revampato” debba avere una componente nuova per renderlo 4.0: qual è il bilanciamento tra i due componenti, se esiste un criterio?

R: Anche su questo tema ci esprimeremo a breve.

Le domande poste  e le risposte  che ha dato Calabrò secondo me sono un indicatore fortissimo dell’interesse sui temi del revamping 4.0

Sempre più aziende vedono nel revamping un modo per acquisire efficienza , migliorare la produzione, l’interconnessione, la comunicazione all’interno e all’esterno dell’azienda.

Chiama Elteco ORA per i tuoi revamping 4.0.

PS: Approfondisci anche le altre risposte su : https://www.innovationpost.it/2021/02/10/nuovo-piano-transizione-4-0-ecco-i-chiarimenti-del-ministero-ai-dubbi-delle-imprese/

2021-02-24T18:01:08+01:00