Hai mangiato il tuo yogurt a colazione (e buono come sempre)?

/, Case Study, Industria 4.0, Manutenzione, Revamping/Hai mangiato il tuo yogurt a colazione (e buono come sempre)?

Quando una azienda importante ha il tuo numero di telefono e chiama te, responsabile di Elteco, chiedendoci di andare subito subito perché hanno un problema IRRISOLVIBILE….. beh, è ovvio che l’autostima cresce.
Ma quando riusciamo a individuare e a risolvere il problema su un impianto non nostro, laddove erano già passati gli esperti-tecnici-consulenti, arrivati direttamente dalla Francia, , ecco… ci sentiamo davvero realizzati!

L’azienda in questione è una grossa realtà dell’alto bassanese nel campo della produzione di yogurt e latticini freschi.
E’ una azienda che lavora ogni anno 45mila tonnellate di latte: fidati, qualcuno dei loro prodotti li hai assaggiati di sicuro! Solo che… lunedì potevi rischiare di restare senza il tuo yogurt .
Andiamo per ordine.

L’impianto per la produzione di Yogurt e la customizzazione del software delle ricette

Qualche anno fa , all’interno di una riorganizzazione sia produttiva sia societaria, l’azienda aveva comperato un impianto per la produzione di yogurt da un noto fornitore (francese ) specializzato in questo tipo di macchine.
Pochi mesi fa, ripensando anche tutta la parte relativa al controllo (effettuato attraverso SIMOTION ) legato alle ricette, l’azienda aveva anche ordinato e fatto eseguire tutte le modifiche le modifiche/interventi riguardavano il software di controllo su Simotion.
Il collaudo ebbe esito positivo, e in effetti fino a pochi giorni fa andò tutto bene!

Tutto bene fino a … venerdì. A partire dalla sera precedente, l’impianto “produceva” yogurt a modo suo.

Stiamo parlando di più di 5000 litri di latte all’ora che rischiavano di dover essere buttati! OGNI ORA!

 

Elteco: lo Sherlock Holmes delle automazioni industriali

Così ecco che , grazie a un nostro partner, l’azienda chiama Elteco

  • 1. in emergenza
  • 2. di venerdì mattina (ore 11, per la precisione) per un intervento da fare al più tardi nella giornata di sabato
  • 3. su un impianto non nostro
  • 4. senza nessuna informazione se non quello che potevamo visivamente acquisire.
  • 5. con il (palpabile e comprensibile)”fiato sul collo” da parte dei responsabili produzione e manutenzione dell’azienda

Praticamente nel sangue mio e dei miei tecnici collaboratori scorreva adrenalina pura: dovevamo risolvere il problema!!! Fin qui la sfida.

Dall’altra parte , a nostro vantaggio, avevamo e abbiamo

  • una esperienza di decine e decine (oso dire, centinaia! ) di anni uomo su sistemi di controllo e impianti produttivi di ogni tipo,
  • una forte competenza su PLC Siemens e Simotion ,
  • una notevole esperienza su revamping,
  • e – anche e per fortuna! – un mix di attenzione, pragmatismo, passione e un pizzico di creative thinking! (questo, tra parentesi, grazie alla metodologia che utilizziamo per fare i test sui nostri software)

Quando la RAM della CPU e gli sbalzi di tensione non vanno d’accordo!

E proprio il pragmatismo assieme a un pizzico di creatività è stata la soluzione.
Hai presente il software customizzato che (come ti aveva scritto) era stato richiesto da parte dell’azienda al fornitore proprio per avere l’impianto e il sistema di controllo Simotion su misura? Ecco, il software, come detto, funzionava benissimo e gestiva in modo corretto e secondo le specifiche la fase delle ricette.

Questo software – lo sa anche un ragazzino del primo anno delle superiori – dovrebbe essere memorizzato in Eeprom (Electrically Erasable Programmable Read-Only Memory).
Solo che… il software per la gestione delle ricette era stato inserito nella RAM della CPU di Simotion .

E cosa era successo giovedì sera? Un violento temporale si è abbattuto in questa zona, facendo saltare l’impianto di forza motrice. Subito era entrato in funzione il gruppo di continuità. La luce e l’energia elettrica sono ritornate quasi subito ma…..
Praticamente al primo calo di tensione della batteria della CPU pufff….. il software si è cancellato e si era autocaricato il software originario, che ovviamente niente aveva a che fare con le ricette dell’azienda!

E adesso?

Hai mangiato il tuo yogurt, oggi, no?  Adesso l’impianto sta funzionando.

  • Il software customizzato è dove deve essere, e NON nella  CPU  Simotion !
  • Il responsabile manutenzione e il responsabile della produzione possono ricominciare a dormire sonni tranquilli.
  • L’azienda ha inviato tutta la documentazione da noi prodotta al fornitore francese per richiedere un risarcimento dei danni.

E noi? Noi come sempre siamo soddisfatti del nostro lavoro!

2019-06-11T17:54:21+02:00Maggio 27th, 2019|