Interconnessione e Industria 4.0 : un caso reale.

“Se c’è un modo di fare meglio, trovalo” Thomas Alva Edison

L’interconnessione  e il piano Industria 4.0

Un esempio concreto di interconnessione all’interno di un sistema di tracciabilità

Vede quei banchi li, vede quegli operai? Ecco, lì costruiscono – mi indica una ventina di banchi di lavoro  – e lì testano – e mi indica altri banchi di lavoro –  utensili per il taglio del marmo! Lei capisce: è un lavoro manuale.

“Ecco, però … Ci sono stati casi in cui il cliente mi ha contestato i test fatti.
Io ho massima fiducia nei miei uomini, ma voglio anche dare la sicurezza al mio cliente. 

Come posso essere sicuro che la documentazione dei test che accompagna gli utensili sia

  • veritiera,
  • non falsificabile, 
  • e che soprattutto siano effettivamente i test relativi agli utensili che noi consegniamo ?

Io voglio poter dire al cliente che siamo in grado di dimostrare ogni passaggio!
Ora invece  i dati dei test vengono riportati su fogli e poi il reparto logistica e amministrazione ha fretta e succede che scambia “le carte”. 

Ecco, e in effetti… (pensavo io)

“Poi, vede quella finestra la in cima? (mi indica una finestrona su una delle pareti  del capannone)
Ecco:  il settore commerciale si mette li  e urla ” Ciò, quando sono pronti i pezzi per il cliente tal dei tali?”
Non è possibile! “

“(Purtroppo è possibile. )”

“Insomma :

  • i test devono essere certi – certi – certi e non falsificabili
  • i test devono avere il “nome e cognome” dell’operaio che  li esegue e il “nome e cognome” delle macchine impiegate;
  • i test devono riferirsi DI SICURO a un certo lotto di produzione;produttività- collegamento- interconnessione- 4.0
  • tutte le fasi (anche di produzione) devono essere monitorate;
  • tutti i dati della produzione devono essere a disposizione in tempo reale (e in modo sicuro e semplice ) al back office.
    Intendo che anche la segretaria che risponde al  telefono deve essere in grado di rispondere a chi chiama “Il suo ordine ? In questo momento è in fase di test! La spedizione è prevista per il 4 di questo mese”

E poi voglio che sia possibile anche il contrario. Non mi basta che le macchine inviino dati al sistema informatico. Io voglio anche poter  precaricare gli ordini da eseguire /da effettuare con la priorità decisa a priori.
Adesso arrivano ordini contraddittori in produzione, spesso a voce, meno spesso su fogli di carta.

E poi voglio che sia possibile effettuare un esame della produttività. “

 

“Quindi, vuole  un sistema per  assicurare e tracciare la qualità dei suoi prodotti e del suo  processo produttivo, e in particolare la fase di test e collaudo, che coinvolga però  anche le altre funzioni?
E inoltre vuole che i dati, le macchine e il suo sistema gestionale si parlino e siano interconnessi uno agli altri?
E che le varie funzioni possano accedere alle informazioni in tempo reale?

“ESATTO! “

Ecco.

Come abbiamo creato un sistema interconnesso di informazioni (partendo dai banchi di test e collaudo) 

Analisi dei processi (e non solo di produzione)

Prima di tutto abbiamo analizzato  quali erano i processi coinvolti. Esaminare le funzioni coinvolte nel processo aziendale è fondamentale per creare un sistema di tracciabilità
Non riguardava solo il processo produttivo, ma anche l’amministrazione, la logistica, la qualità, il commerciale…..

In questa fase abbiamo definito

  • quali erano i dati che dovevano essere tracciati,
  • le modalità di scambio con il sistema gestionale ( un as400)
  •  le informazioni che servivano a ciascuna funzione coinvolta.

Questa analisi dei processi è fondamentale anche per il Piano Industria  4.0.  Solo attraverso una analisi del prima e del dopo è possibile rendere conto della necessità e della effettivo cambio nella produttività della azienda (in logica Industria 4.0)

Collegamento delle informazioni e delle postazioni

  • Abbiamo collegato dei banchi di lavoro /di test con il sistema gestionale interno  ( AS400): in questo modo abbia reso scambiabili i dati  in tempo reale attraverso tabelle di SQL
  • Abbiamo (ovviamente) normalizzato i dati
  • Abbiamo reso  univocamente riconoscibili le singole macchine
  • Abbiano reso  riconoscibili i singoli operatori (una fase necessaria per una analisi della produttività fino al singolo operatore)

L’interconnessione

Secondo il Mise,  prendendo ad esempio una macchina,  questa risulta  interconnessa quando,

  • in modo univocamente riconoscibile – attraverso un indirizzo IP,
  •  scambia informazioni in rete con altri sistemi (interni o esterni)
  • su standard di comunicazione universalmente riconosciuti.

Dunque, vediamo

  • La singola macchina era  univocamente riconoscibile? Si.
  • Si trattava di scambiare dati con un sistema interno ? Si
  • Il tutto avviene con standard riconosciuti? Si

E inoltre la nuova guida del Mise cosa dice?

Ecco gli esempi che il Mise da Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità

Altri sistemi di monitoraggio in process per assicurare e tracciare la qualità del prodotto o del processo produttivo e che consentono di qualificare i processi di produzione in maniera documentabile e connessa al sistema informativo di fabbrica, diretta o indiretta. Sono compresi ad esempio i sistemi per il controllo di processo, il monitoraggio delle emissioni, delle vibrazioni, della temperatura e i sistemi per il controllo della forza e della potenza, i test di prodotto durante la fase di giunzione e assemblaggio industriale, le bilance di controllo peso, telecamere di controllo riempimento, stazioni di testing, validazione, collaudo e calibratura, ecc.;

 


Scopri anche tu cosa possiamo fare assieme per la tua azienda all’interno del Piano Industria 4.0 .

Chiama  oggi  allo 0445 300130 .